STORIE VERE – RAI 1 sabato 14 aprile 2012

STORIE VERE – RAI 1 sabato 14 aprile 2012

 

i 2 presentatori di storie vere

           E’ andata in onda questa mattina la puntata di Storie Vere” sulla RAI1 dedicata alle unioni fra persone di religione diversa.

Alla conduzione del programma i giovani e simpatici oltre che professionalmente preparati conduttori Georgia Luzi e Savino Saba

La sigla è stata caratterizzata da una coppia formata da un’italiana di religione cristiana e un iraniano di religione islamica, che sono tuttora felicemente sposati e condividono alcuni valori alla base dei quali vi è il rispetto reciproco delle proprie differenze.

 

Adriana Bolchini vicina a Marta Flavi

     Le storie presentate sono state 3 ed ha aperto come prima esperienza quella dei Mohamed Ahmed, che molti di voi conoscono già in quanto siamo stati spesso ospiti nella sua trasmissione che lui stesso conduce da giornalista a Padova CAN8 e CAN9, che è già, per la secoonda volta sposato con una cristiana, la prima, con la quale il matrimonio è andato in crisi, proprio per motivi legati probabilmente a problemi dovuti all’ingerenza dei suoceri, sulla cui crisi finale ha però inciso un episodio di origine religiosa.

La seconda ospite signora di origine cristiana, attualmente separata dal marito di religione ebraica, ha avuto un percorso di conversione che ha attuato proprio in concomitanza del matrimonio, nel quale sono nati due figli, allevati secondo i precetti ebraici. La signora però non ha precisato le motivazioni del fallimento, per cui ha lasciato alcuni dubbi sulle cause.

Sulle tematiche dei matrimoni fra islamici e cristiani è intervenuta l’avvocato che ha spiegato le problematiche dovute al fatto che con i Paesi islamici non esistono trattati idonei alla protezione dei figli, fra le nazioni occidentali che spesso vengono rapiti dai padri per portarli nei Paesi islamici sottraendoli alla madre, anche se questa è italiana e la separazione è stata sancita da un tribunale italiano.

Pages: 1 2 3

Bookmark and Share

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *